Just for taste

 Cos’avranno mai in comune il paese di Gesualdo in provincia di Avellino, l’Irlanda, i tempi dispari della musica balcanica, una bustina di thè ed una web radio?

           11707986_10204626079273557_8535633151974204638_o 11713918_10204626009591815_3406334969386708787_o 11710010_10204626049152804_1168919218908620413_o 1782421_10204626047632766_5878011943088364675_o

 Io l’ho scoperto sabato scorso, allo showcase di presentazione di “Just for taste”, il nuovo, secondo album dei Là Nua, dinamico trio irpino votato all’esplorazione sonora del folk della magica Isola Verde.

          11415489_10204625924309683_4721478190067808939_o 11143152_10204626077673517_1468168596015625909_o 11698778_10204626053312908_1891054009338298115_o 11709989_10204626052192880_8952848193077657258_o

 Eravamo al The Basement di Gesualdo, il gioiello di studio di registrazione nato come per incanto dal nulla e dal genio di Francesco Scauzillo, al di sotto delle volte in pietra di un antico palazzo, e oggi consolidato punto di riferimento delle produzioni musicali in zona, e non solo. Francesco, d’altronde, vanta un’esperienza decennale di fonico e live stage manager per artisti di fama mondiale (Goran Bregovic, Francesco De Gregori, Dee Dee Bridgewater e Sarah Jane Morris, tanto per citarne alcuni).

          11731673_10204626053712918_3154915285160477445_o 11698795_10204626058073027_5555753688515208741_o 241111_10204626069033301_7925455684789782088_o 11741316_10204626077073502_389080285777421170_o

 Il trio dei Là Nua (“giorno nuovo” in gaelico) ha invece esordito due anni fa con un interessante progetto musicale strumentale, che rielabora e ripropone la tradizione irlandese in chiave sofisticata e stilosa, smorzandone la componente popolaresca a favore di eleganti incursioni in atmosfere jazzate ed a tratti piacevolmente lounge, con compiaciute strizzate d’occhio a reminiscenze prog e richiami di world music. L’attualità ed il fascino del loro mood, molto in linea con l’evoluzione che questo filone musicale sta vivendo nella stessa Irlanda, ha già valso loro nell’ottobre 2013 una apprezzatissima partecipazione al John Dwyer Traditional Fest di Waterford, della quale restano indimenticate le sessions in appoggio alla grande voce di Cathy Jordan dei Derwish.

          11703510_10204626074313433_6612636427955639850_o 11713813_10204626057873022_3437490609656422759_o 11698955_10204626056712993_1625732162882498576_o 11225453_10204626059393060_3778303797458190028_o

 E così Francesco Brusco (chitarra acustica, bouzouki), Gabriele Moscaritolo (fisarmonica, whistles) e Giuseppe De Gregorio (percussioni, chitarra ritmica) tornano oggi a farci assaggiare il loro “blend” di sapori sonori (capita ora la ragion d’essere della bustina di thè ricevuta in omaggio?) in un contesto se vogliamo ancor più raffinato e accattivante, che tra l’altro sempre meno disdegna l’apporto di loro delicate e mature composizioni originali (tra le più riuscite, “Rue d’Anvers” e “Twinkle of January”). Just for taste, appunto: mai espressione risultò più azzeccata di questa.

          11698792_10204626075633466_4007083878579090971_o 11218219_10204626073513413_1389188429251491866_o 11722315_10204626044872697_2773157789582455029_o 11218238_10204626060473087_750316517462924596_o

 E noi ce li siamo gustati tutti, questi deliziosi momenti di showcase, a partire dal meraviglioso studio aperto alle nostre curiosità e domande, agli imprevedibili gadgets, alle immancabili, generose e ghiotte esecuzioni dal vivo in anteprima, alla incalzante diretta radiofonica della bravissima deejay Martina Ciccone di Radio Give Me Five, ai tanti ospiti intervenuti a rappresentare il mondo della musica e della stampa. E che altro dirvi a questo punto, se non che adesso tocca a voi provare… just for taste!

(Foto: Pellegrino Tarantino)

 

 

 

Lascia un commento

*